Stål

Silvia Avallone Johanna Hedenberg


Stål

Stål

  • Title: Stål
  • Author: Silvia Avallone Johanna Hedenberg
  • ISBN: 9789127135017
  • Page: 463
  • Format: Paperback



De b sta v nnerna Anna och Francesca v xer upp i ett nedslitet bostadskomplex i den toskanska kuststaden Piombino I horisonten skymtar Elba, men p Via Stalingrado r det kring st lverket livet r r sig.Flickorna r tretton r, p v g att ta steget in i vuxenv rlden och r heta f rem l f r m nnens och pojkarnas blickar De r prinsessor i ett fallf rdigt kungad me och dr mDe b sta v nnerna Anna och Francesca v xer upp i ett nedslitet bostadskomplex i den toskanska kuststaden Piombino I horisonten skymtar Elba, men p Via Stalingrado r det kring st lverket livet r r sig.Flickorna r tretton r, p v g att ta steget in i vuxenv rlden och r heta f rem l f r m nnens och pojkarnas blickar De r prinsessor i ett fallf rdigt kungad me och dr mmer om ett liv tillsammans l ngt borta fr n f r ldrarna och st lverket Anna har stora planer f r sitt liv, hon ska l sa vidare och bli domare eller politiker Francesca dr mmer om att bli velina, att jobba p tv eller bli modell.St l r en gripande skildring av tv unga flickors v nskap och hur de tillsammans m ter omgivningens krav och f rv ntningar Samtidigt ger romanen en storslagen nutidsbild av livet p Italiens baksida.


Recent Comments "Stål"

Non mi interessano i giudizi (e i pregiudizi) di chi l’ha bollato come il solito best seller provincialotto all’italiana, perché non ha trovato fra le pagine Proust o Dostoevskij.Non mi interessa nemmeno quanto ha venduto, non conosco le cifre, non conosco l’autrice, non conosco nemmeno le sue opere successive.L’ho letto come qualunque altro libro, indipendentemente dall’azione di marketing o meno che la casa editrice possa aver fatto, e che in nessun modo inficia il mio gusto su quan [...]

Acciaio è un'opera che mi è difficile commentare, perché è profondamente antipatica nel suo essere pretenziosa e ingenua, documentaria e falsaria, onesta e ruffiana insieme.In tutta sincerità vorrei prendere le distanze da chi ha massacrato libro e autrice - a mio avviso non sempre a proposito - almeno quanto mi sento lontana da chi ha candidato questo romanzo al Premio Strega (benché dopo l'inqualificabile emodramma di Paolo Giordano sia rassegnata al peggio). Acciaio è un quantomeno imp [...]

Pre-commento breve:ottimo, sotto il profilo del marchetting. Artisticamente parlando, un vero pacco.*******Prendete un McCarthy d'annata, trituratelo e prendetene a caso qualche brano; aggiungeteci un quarto di Moccia, uno spruzzo di Faletti, una goccia, ed una sola, del Bukowski turpiloque, un'ombra di Agus (Milena) per dare sapore locale et voilà, il Romanzo italiano dell'ultimo decennio è servito.Mots grosses disseminano a casaccio le pagine, i personaggi sembrano tolti di peso dall'operett [...]

La dimostrazione che per vincere dei premi non bisogna manco leggere quel che si è scritto.Pagina 220: "[Alessio] Non poteva davvero immaginare che tra pochi mesi l'ennesimo suo collega sarebbe morto e lui avrebbe agitato la bandiera della FIOM contro di lei che stava ormai, a tutti gli effetti, dall'altra parte".A pagina 338 è Alessio a morire, e tutti i suoi colleghi a scioperare contro di "Lei".Ora ditemi com'è possibile che un'opera - già di per sè scialba, piatta, vuota, banale, trita [...]

1- avevo paura a finire questo libro per non dover scrivere un commento.e dite?non sono obbligato?evvai dai, magari il mio commento può convincere qualcuno a leggerlo. dalle stelline direi che è palese che mi è piaciuto un sacco. tecnicamente è una figata: non ci son troppe descrizioni che annoiano e i dialoghi vanno via filanti come una mozzarella. ovviamente il linguaggio è quello che è visto che stiamo parlando di 14enni.rò ehmm, non so bene cosa dire, mi ha toccato nel profondo questo [...]

Wow. Swimming to Elba was such a disheartening book. Incredibly well done, but a difficult read.This novel deals with so many overwhelming themes: poverty, drugs, sex, abuse. Whenever I thought some hope may be on the horizon, that hope was dashed. I felt compelled to read on and on, but I had a knot in my stomach the entire time.It was an odd reading experience for me. I lived in Italy when I was the same age as Francesca and Anna. Now, I'm around the same as their parents. I thought about my o [...]

La vita a Piombino è tutt’altro che semplice. Il rumore delle acciaierie, il sottofondo di perenne interferenza, le alte temperature di fusione dell’acciaio che disturbano la quiete e rendono sempre più lontano il paradiso dell’Elba.Anna e Francesca attendono con trepidazione il compimento del loro quattordicesimo compleanno. Reclamano l’indipendenza, la libertà, la possibilità di fuggire dall’assordante fracasso a bordo di un motorino. Perché a Piombino non c’è futuro. Anzi, i [...]

Certamente non si tratta di una lettura impegnativa, e il degrado delle periferie l’ho trovato descritto meglio altrove; ma i personaggi, le situazioni e l’intreccio che man mano viene delineandosi, sono meno banali di quanto possono apparire inizialmente, quindi vale comunque la pena di portare a termine la lettura.

Silvia Avallone scrive bene. Tuttavia una scrittura ben strutturata, con toni a volte lirici che si alternano con momenti anche eccessivamente realistici, non è elemento sufficiente perché si sia davanti a un bel libro. A me questo romanzo non è piaciuto.Non ha assunto alcun rilievo ai miei occhi e alla mia sensibilità di lettrice nessuno dei protagonisti di questa storia, non mi sono affezionata a nessuno, non a Francesca e Anna, due quattordicenni alle prese con la voglia di crescere e di [...]

"La realtà esige. La realtà vince comunque, qualsiasi cosa fai o pensi."Ho letto molti pareri negativi su questo libro e ne ho rimandata la lettura per questo motivo. Invece ora sono contenta di averlo letto e lo trovo un gran bel libro, uno spaccato di vita reale. Ambientato nella periferia di Piombino, intorno al polo industriale della ex Ilva. Una periferia come ce ne sono tante, intorno alle vecchie grandi fabbriche, che oggi stanno morendo, con i suoi casermoni di cemento, in cui brulican [...]

Non ci siamo.Temi seri e profondi buttati lì a casaccio, trattati superficialmente e senza cognizione di causa nel vano tentativo di rendere interessante una storiella mediocre. Ho letto fanfictions scritte meglio.Ho passato l'intero libro a chiedermi quando sarebbe cominciata la vera storia, ad aspettare un colpo di scena o un guizzo di originalità. Arrivata alla fine, la mia reazione è stata più o meno simile ad un enorme embè?I personaggi di Moccia sono caratterizzati meglio (beh quasi) [...]

Non sono neanche riuscita a finirlo. Allora, comincio col dire che, come sempre, ho preso il libro in biblioteca e non mi aspettavo che fosse un romanzo premiato a un importante concorso letterario (l'ho scoperto solo ieri, leggendo alcune delle recensioni qui su ). Si tratta di un'opera prima di un'autrice della mia stessa eta', classe 1984, quindi giovane ma non giovanissima. Se si fosse trattato di un romanzo autopubblicato, senza alcuna pretesa, un'opera prima frutto di un faticoso lavoro di [...]

Una cosa davvero non l'ho capita: perché ambientare il romanzo nel 2001? C'è qualche connessione con l'11 settembre, avvenimento che comunque le protagoniste vivono, nel libro?La "formazione" di due belle ragazzine sullo sfondo di una Piombino degradata, sformata da un ambiente da dopobomba, oppressa dal mostruoso impianto siderurgico. So che i piombinesi hanno criticato ferocemente questo libro e mi piacerebbe saperne di piùLe due bellissime, si capisce, sono destinate a qualcosa di diverso [...]

The description of this book led me to believe I’d be reading about a pair of girls growing up in an Italian tenement, figuring out their way as adolescents, wishing to rise above their current situation and I thought it would be politically-charged to boot. It seemed like a recipe for a great read. So why do I walk away feeling disappointed and a little disgusting? I wasn’t expecting to read page after page about the sexual exploits of two 13 year-old girls (one with a 23 year-old). The boo [...]

Puan: 3.5Bakarsın Bulutlar Gider, elinize aldığınız andan itibaren size pozitif etki veren, henüz kapağını bile açmadan sizi pembe düşlerle saran bir kitap. Ne var ki kitabın içeriği, kapak görselindeki ve tanıtımındaki gibi öyle pek de pollyanna değil. Ve bu beni daha da mutlu etti.Kitap, İtalya'nın kıyı kentlerinden birinde yaşayan Anna ve Francesca adında iki küçük kızın öyküsünü konu alıyor. İkisi, birbirlerine inanılmaz derecede bağlılar ve sonsuza k [...]

Questa ragazzina qui, oltre alla storia, che non viene salvata nemmeno dall'ambientazione popolare/industriale, scrive in modo indecente. Una donna con "i nervi a fior di pelle", fortemente incazzata col marito che si è giocato la paga a poker, non è "contrita"! Che, Treccani conferma, significa "Profondamente addolorato e pentito di una colpa o di un fallo commesso" e non inferocito, inviperito etc etc come pare sia la signora in oggetto. "La luce bianca convertiva la terra, e il ferro, e l'a [...]

En välskriven, nästan poetisk bok om två unga flickor och om dem som arbetar med att tillverka stål i de enorma fabrikerna i Piombino. Språket är vackert men berättelsen är dyster, om människor som tar droger, om män som slår sina fruar och barn, om män och kvinnor som arbetar på stålverket hela livet och om hur unga tjejer är föremål för männens blickar och begär. Det är drabbande att läsa, som en molande värk som bryter sig fram genom ens skelett när en tar sig framåt [...]

Avrebbe potuto essere un libro fantastico. Lo stile della Avallone mi e’ piaciuto da impazzire. Crudo, diretto, schietto. Un modo di scrivere che avevo trovato soltanto in alcuni autori britannici, finora.Ma?C’e’ un ma, ovviamente, o non avrei finito col mollargli una valutazione complessiva di 2 su 5.Gli errori grammaticali e ortografici, tanto per cominciare. Non parlo di refusi, parlo proprio di errori. Grossolani, facilmente eliminabili con una sana, seconda rilettura (la signora lo av [...]

Avevo sentito cose positive su questo libro e non posso quindi negare di sentirmi molto delusa da come è andata l'effettiva lettura.La storia non mi ha coinvolto. La descrizione della vita quotidiana dei lavoratori di Piombino era interessante, ma le vicende di Francesca e Anna mi hanno lasciata totalmente indifferente. Unica eccezione è l'ultima parte del romanzo, di cui non parlerò per evitare gli spoilers. Dirò esclusivamente che è riuscita là dove il resto del romanzo ha fallito: mi ha [...]

E' un libro faticoso questo. E' pesante da leggere, soprattutto all'inizio, e i personaggi li strozzeresti tutti senza eccezioni. A partire dalla madre apatica e indifferente, incapace di fare alcunchè di fronte al marito che le picchia la figlia. E la figlia che fa la zoccola, permettetemi il termine ma questo fa, con la sua amica del cuore Anna. E Anna che se la tira e pensa solo ai ragazzi. E il fratello dal cuore buono eppure drogato e senza speranze. E Il degrado totale di questo paese, Pi [...]

Lu en français - D'acierOuf. Cette histoire de jeunes filles de 13 ans qui rêvent de sorties, de la transformation "petite fille à femme", qui s'éveillent à leur sexualité, pourrait s'avérer un peu trop cru pour certains lecteurs. Une petite ville italienne vivant de la transformation de l'acier est la toile de fond: les thèmes de la chaleur, du feu, de l'eau sont constants tout au long du roman, même dans les tempéraments de Anna et Francesca, les deux amies dont on suit leur histoire [...]

Ensimmäisten 50 sivun jälkeen olisin voinut lopettaa. Kirja oli kuitenkin lukupiirikirja, joten lukemista oli pakko jatkaa. Onneksi, koska lopulta kirja olikin oikein hyvä. Pidin etenkin kuvauksesta - sekä henkilöiden että miljöön.

Bokcirkelbok att diskuteras i augusti. Men ni förstår ju att jag tyckte mycket om den här, även om det bitvis kändes hopplöst för Anna, Francesca och de andra.

Aardig boek over twee meisjes die samen opgroeien in een industriestad aan de Italiaanse kust bij het eiland Elba. Je krijgt een inkijk in het rauwe leven van metaalarbeiders en maakt mee hoe Anna en Francesca zich in hun puberteit ontwikkelen. 'Staal' lijkt geïnspireerd op de Napolitaanse romanserie van Elena Ferrante. Maar waar de karakters van Ferrante diepgang hebben, blijven die van Anna en Francesca wat aan de oppervlakte. Ook de schrijfstijl vond ik niet geweldig: hier en daar vond ik de [...]

Questo libro, purtroppo, non mi è piaciuto.Dico purtroppo, perchè avevo deciso di leggerlo dato che era stato premiato e molto pubblicizzato.La storia è lineare e tocca anche argomenti piuttosto delicati. Spesso, però, si trovano dialoghi e scene un po' ripetitivi. Ricco, a parer mio, di scene inutili e povero, invece, di risoluzioni di scene importanti.Ad esempio, Alessio stava con Elena, si lasciano. Dopo quattro anni si riincontrano e dopo vari sguardi e discorsi vani, decidono di andare [...]

Het verhaal gaat over Anna en Francesca. Allebei 13 jaar oud, bijna 14. Ze wonen in hetzelfde grijze gebouw. Francesca op de derde verdieping. Haar moeder is Rosa. Haar vader Enrico. Enrico let goed op zijn dochter. Hij bespiedt haar met zijn verrekijker als ze met Anna op het strand is. Als ze iets doet wat hem niet bevalt dan slaat hij haar. Anna woont op de vierde verdieping, dochter van Sandra en Arturo. Sandra werkt voor de vakbond. Arturo laat zich thuis zien als het hem uitkomt. Hij houdt [...]

Gabriele Muccino ne ha ben donde quando sostiene che agli italiani non piacciono i vincitori (schiattano d'invidia) mentre tifano tutti per i perdenti (perchè vivono fondamentalmente senza sforzo). Acciaio è questo: non racconta la storia di perdenti. Descrive come un reality alla Moccia la squallida vita di ragazze di periferia (che stranamente però vanno poi al liceo classico) senza aggiungere nulla. Oddio no: sesso alla grande e morte finale inevitabile - inevitabile perchè è quel tocco [...]

mi è stato regalato questo libro da una delle mie più care amiche, e l'ho iniziato senza sapere assolutamente di cosa parlasse, solo che era il suo libro preferito e che dovevo assolutamente leggerlo anche io. leggendolo ho capito perchè è il suo libro preferito e nonostante in alcuni momenti sono stata un po' scettica, devo dire che mi è piaciuto tantissimo. è scritto bene, la storia scorre e per quanto mi riguarda non riuscivo a staccarmi dal libro. volevo leggerlo, finirlo. amo i person [...]

Here you can read my review in Swedish: jennyjag.wordpress/2015/03

3.5 stars


  • [PDF] Þ Free Download à Stål : by Silvia Avallone Johanna Hedenberg ë
    463 Silvia Avallone Johanna Hedenberg
  • thumbnail Title: [PDF] Þ Free Download à Stål : by Silvia Avallone Johanna Hedenberg ë
    Posted by:Silvia Avallone Johanna Hedenberg
    Published :2018-08-09T16:50:29+00:00